Passerina

Descrizione immagine

Appartenente alla famiglia dei Trebbiani, questo può essere considerato un vitigno autoctono delle regioni centrali dell'Italia. Viene coltivato su modeste superfici, soprattutto nelle Marche ed in Abruzzo.

Il grappolo è medio, quasi spargolo, alato-composto. La maturazione è medio-tardiva, caratterizzata dalla lenta accumulazione degli zuccheri, senza che al contempo si verifichi una proporzionale demolizione dell'acidità. La Passerina ha dimostrato una buona resistenza alle principali avversità, compresa la botrite, assicurando inoltre buone produzioni per ettaro. Il vino prodotto è di colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, a volte dorati; aromi fruttati, floreali e speziati, con sentori di agrumi e vegetali secchi, abbastanza intenso e persistente; normalmente acidulo, con retrogusto amarognolo e buona struttura.