Montepulciano D'Abruzzo

Descrizione immagine

Nei primi decenni dell'ottocento il vitigno Montepulciano restò in splendido isolamento nella Conca Peligna, dove ebbe modo di rinnovarsi e di evolversi sotto il profilo ampelografico.

La presenza del vitigno Montepulciano in terra d'Abruzzo risale quindi ad oltre due secoli. Qui, grazie al particolare microclima della regione, ha trovato le migliori condizioni per vegetare e produrre vini di grande valore, pieni, robusti e al contempo eleganti e profumati. 

È un vitigno a bacca rossa, mediamente vigoroso, con foglia medio-grande pentalobata, grappolo mediamente compatto di forma piramidale conica, spesso alato, acino leggermente ovoidale con buccia pruinosa e consistente. È un vitigno piuttosto tardivo, poiché la maturazione si colloca quasi sempre nella seconda decade di ottobre. In linea generale il vitigno Montepulciano dà un vino dal colore rosso rubino con riflessi violacei, profumi di viola, ciliegia, amarena, frutti di bosco, liquirizia e tabacco. Buono anche da giovane, è ben disposto per l'invecchiamento in bottiglia.